Skip links

Tag: oltrepassaparola

Fermo

Fermo. Fermo come il caldo d’estate. Fermo. Tra il mezzogiorno e le tre. Tutto è fermo. Compreso tu. Disteso sul divano. Guardi la stanza. Fermo. Tutto è fermo. Tranne la luce. Una luce limpida che gioca con gli oggetti della casa mostrandoti tutte le geometrie e le loro perfette proporzioni.

Vacanza

Nulla si era stancato di far niente e Niente si era stancato di far nulla. Si scambiarono di posto, ma cambiava niente e nulla. Dopo ripetuti tentativi finiti in nulla e niente, Nulla e Niente si annientarono, annullandosi a vicenda. Si guardarono negli occhi. Nulla disse a Niente “Fa niente”

OssimoroOH

Dritte così diritte da far uscire fuori strada.  Incomprensioni evitabili che non si evitano mai.  Parti interrotti venuti benissimo.  Notti di desideri in cui le stelle non si esprimono. Lune che la notte si dilungano su note stelle. Perdite di valore ho che rAggiungono stupore oh !

Bilancia

Vita vuole che io non mi pensi più.  Devo dire che sul momento, quando vidi la bella e giovane Vita portar via la bilancia, rimasi alquanto confusa. Mi prese una smania improvvisa d’ingurgitare pensieri e di accumulare scorte per sopperire alla perdita di gravità. La cercai nello stesso posto in

Bambino

Quando il bambino torna bambino si ricorda del gioco, cominciato per gioco. Quando il bambino torna bambino, mangia di fame e beve di sete. Ama i cibi semplici. Un chicco d’uva basta a renderlo felice. Un bicchiere di latte lo coccola come la ninna di una mamma. Ed è di

Sostare

Se trovi la strada, percorrila. E così è stato, da che è nato, il cammino di ogni uomo. Trovate tutte le strade per Terra, percorse in ultimo quella che conduceva al giardino delle Esperidi, ove trovò Atlante che sorreggeva il cielo.  Se trovi il cielo, innalzati. E così è stato,

Oblio

In fondo, se l’oblio ci salva dal senso opprimente che la sopravvivenza impone, non dobbiamo sopraffarlo. Rimanere senza parole senza pensieri senza punti senza virgole e alla fine senza azioni da compiere  Soli Solo Suoni Come strumenti con un linguaggio altro. Un linguaggio alto. L’oblio si mescola al sangue e

Bugia

Vivere con attenzione distratta e una bugia. Si può vedere oltre.  Osservai il gatto. Era soltanto un gatto, si potrebbe osservare. Ma un gatto non è soltanto un gatto. Così come un cancello non è soltanto un cancello. E le parole, poi. Una parola non è mai soltanto una parola.

Cenere

Odore di trucioli, ferro, ruggine, polvere, terra e sogni. Non c’era una vera e propria porta d’ingresso – per il mondo dei sogni – e nemmeno delle vere e proprie pareti – i sogni sono anticamere – ma un grande spazio pieno zeppo di cose. Cose qualunque, che lì diventavano

ANDARE… là dove nulla e niente è tutto è reale. Dove non sapere non dovere non possedere non progettare è soltanto andare. Andare là dove la vita ti ha portato un giorno lontano ancora oggi vicino come il brivido che fu che torna che inonda il corpo… Andare.  La porta