Skip links

Presente

Capita anche a te? Sei vivo. Così ti ha detto il maestro. Ti muovi. Ma potresti anche stare fermo, ti ha detto il maestro. Cerchi di non pensare, perché il maestro ti ha detto “Vivi il presente e non pensare”.

E più cerchi di non pensare, più vedi arrivare i pensieri. Come orde barbariche che, lo sai, non riuscirai a fermare. D’altronde non ci sei mai riuscito. Hai provato con guerre di trincea, attacchi di panico, fughe di gas, tecniche di depistaggio controllato. Nulla da fare. Ogni volta quelli fanno strage. I pensieri. Le orde barbariche.

Non muori, comunque. Sei in una realtà virtuale. Così ti ha detto il maestro. Non muoiono neanche loro, comunque. Si rigenerano, mutano continuamente, ti attaccano dall’interno. Così ti ha detto il maestro. 

Capita anche a te? Che il maestro ti abbia detto “L’unico modo per essere felici è stare nel momento presente”. Capita anche a te di essere distratto, ammaliato, rapito da quei pensieri che si presentano sempre nel tuo presente? Infilandosi come vermi in ogni spazio vuoto. 

Devo dirlo al maestro, che a un certo punto morirò e che i vermi rimarranno. Devo dirlo al maestro, che ci sarà un momento in cui sarò davvero presente. Devo dirlo al maestro che sarà quello il momento in cui vincerò la battaglia. 

Il momento in cui i pensieri mi verranno a cercare e non mi troveranno più. 

Leave a comment