Skip links

Sospiro

Tutti i gatti del pianeta si allungarono in un sospiro di sollievo che sollevò un anomalo vento caldo in pieno inverno. Da quel momento tutto cambiò. Una donna tolse la camicia e indossò una scatola bianca. Un intellettuale, nel bel mezzo di una conferenza sull’autostima, allentò le tensioni e l’elastico dei pantaloni estraendo il pene rilassato. Una ragazza seduta ad ascoltare una conferenza sull’autostima chiuse gli occhi, entrò in un tunnel senza via raggiungendo l’uscita. Ogni insegna iniziò a indicare la strada sbagliata. Un uomo affidabile seguendo le indicazioni inciampò in una pozzanghera e si sporcò la reputazione. Una ragazzina infilò una mano nella borsa per estrarre il bacio Perugina che aveva appena comprato e finì per baciare le labbra dell’uomo seduto al suo fianco. Un uomo che era appena stato baciato da una ragazzina sconosciuta, si leccò le labbra sporche di cioccolato. Una donna ligia al dovere, decise di non farlo e si mise a correre verso l’uscita d’insicurezza consapevole del rischio che stava correndo. Una donna in ritardo si mise a correre dietro una notte anticipata stringendo i denti sotto la bocca sorridente della luna che le augurò, ironicamente sincera, buona fortuna. In una chiesetta di un paese indicato da uno dei cartelli sbagliati convolarono a nozze Io e Sè. Non appena il sì fu pronunciato, il vento tirò un sospiro di sollievo attraversando il labirinto degli spiriti e le code dei gatti che si raggomitolarono come se nulla fosse cambiato. Tornò l’inverno, con sollievo di tutti. Nulla era cambiato. 

Leave a comment